Perché studiare oreficeria e specializzarsi in questo mestiere

Diverse possono essere le ragioni per iniziare un percorso nel mondo del gioiello; ci si entra per passione, per puro gusto amatoriale o…per farne un mestiere. In relazione a quest’ultima motivazione, ci teniamo a darvi qualche utile indicazione. Due sono i segnali che arrivano dal mercato: le aziende manifatturiere primarie che operano nel settore industriale ed artigianale e che sono conosciute in tutto il mondo per la qualità ed il design del prodotto simbolo del Made in Italy avranno bisogno da qui a 5 anni di circa 250.000 operatori specializzati (fonte ALTAGAMMA).

Nel novero di queste aziende manifatturiere troviamo i più importanti brand che operano nel settore della gioielleria e della moda: Bulgari, Buccellati, Pomellato, Damiani, Gucci, Dolce&Gabbana, Versace ecc., tutte aziende che hanno i loro centri di produzione in Italia, soprattutto concentrati tra Milano e Valenza. Se a questo aggiungiamo il processo di forte espansione sui mercati internazionali di queste aziende, in virtù di strategie industriali che si sono rivelate efficaci e di successo, se ne deduce che forse mai come in questo momento il mercato del gioiello chieda manodopera specializzata per rafforzare i propri organici.

Siamo ad un paradosso: il mercato cerca giovani specializzati in oreficeria ma il mercato della formazione non è in grado di supportare questa richiesta impetuosa. La Scuola Orafa Ambrosiana, partner di queste aziende e di altre ancora (ad esempio Cartier, che ha i suoi centri di produzione tra Milano, Valenza e Torino) è apprezzata soprattutto per la capacità che ha di offrire al mercato del lavoro giovani specializzati nelle tecniche oggi richieste dalle aziende, con il vantaggio di una formazione “su misura” per le diverse esigenze dei brand.

I percorsi da noi consigliati (vedi sezione “Obbiettivo Lavoro: i percorsi consigliati ” in fondo alla brochure) rappresentano la formazione ideale per potersi presentare ad un colloquio di lavoro con le carte in regola.